Conosci tutte le detrazioni fiscali?

Conosci tutte le detrazioni fiscali
Printer Friendly, PDF & Email

L'elenco di alcune detrazioni da poter sfruttare nella Dichiarazione Redditi - 730 e Modello Unico

  1. Detrazioni per i contratti di locazione a canone convenzionato e inquilini a basso reddito
  2. Le detrazioni per i contratti di locazione a favore di giovani
  3. Detrazioni per i contratti di affitto a favore di lavoratori dipendenti trasferiti
  4. Detrazioni per i contratti di affitto stipulati con studenti universitari

Di seguito il dettaglio.

1) DETRAZIONI PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE A CANONE CONVENZIONATO E INQUILINI A BASSO REDDITO

Per i contratti stipulati, a favore di inquilini a “basso reddito”, di alloggi adibiti ad abitazione principale locati con contratti stipulati o rinnovati, ai sensi della legge n. 431 del 1998 è prevista le seguente detrazione ai fini Irpef:

€ 300, se il reddito complessivo non supera € 15.493,71
€ 150, se il reddito complessivo è superiore a € 15.493,71, ma non superiore a € 30.987,41

Nei contratti a canone concordato, dove il contribuente è intestatario di contratto di locazione stipulato ai sensi della L. n 431 del 9 dicembre 1998, è prevista una detrazione d’imposta di:

€ 495,80  se il reddito complessivo non supera € 15.493,71
€ 247,90 se il reddito complessivo è superiore a € 15.493,71 ma non superiore a € 30.987,4

Nessuna detrazione se il reddito è superiore a € 30.987,41.

2) LE DETRAZIONI PER I CONTRATTI DI LOCAZIONE A FAVORE DI GIOVANI

Per i contratti stipulati con giovani di età compresa tra i 20 anni e 30 anni, ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 431, per l’unità immobiliare da destinare ad abitazione principale è prevista, in sede della Dichiarazione dei Redditi una detrazione pari a € 991,60.

Tale detrazione spetta per i primi 3 anni, se il reddito complessivo non supera € 15.493,71.
La condizione per fruire dell’agevolazione è che l’immobile in questione sia diverso dall'abitazione principale dei genitori del giovane intestatario del contratto.
Il requisito dell'età è soddisfatto qualora ricorra anche per una parte del periodo d'imposta in cui si intende fruire della detrazione.

3) DETRAZIONI PER I CONTRATTI DI AFFITTO A FAVORE DI LAVORATORI DIPENDENTI TRASFERITI

Sono previste detrazioni anche a favore dei lavoratori dipendenti, che per motivi di lavoro:

  • trasferiscono la propria residenza nel comune del lavoro o limitrofo;
  • il nuovo comune di trovi ad almeno 100 chilometri di distanza dal precedente e comunque fuori dalla propria regione;
  • la residenza nel nuovo comune sia stata trasferita da non più di 3 anni dalla richiesta della detrazione.

Tale detrazione può essere fruita nei primi tre anni dal trasferimento della residenza e spetta nella misura di:

  1. € 991,60  se il reddito complessivo non supera € 15.493,71
  2. € 495,80  se il reddito complessivo supera € 15.493,71 ma non € 30.987,41

 4) DETRAZIONI PER I CONTRATTI DI AFFITTO STIPULATI CON STUDENTI UNIVERSITARI

La detrazione Irpef è prevista anche per gli studenti iscritti ad un corso di laurea presso una università che stipulano o rinnovano un contratto di locazione ai sensi della L. 9 dicembre 1998, n. 431.

È un’agevolazione che prevede la detrazione del 19% calcolata su un importo massimo di € 2.633,00 .
Può beneficiarne sia lo studente che il familiare di cui lo stesso risulta fiscalmente a carico, per ottenere l’agevolazione bisogna rispettare determinate condizioni.

MOLTE ALTRE INFORMAZIONI SULLE DETRAZIONI VI ASPETTANO.

Lo Studio è a disposizione per aiutarvi a beneficiare di tutte le agevolazioni possibili, contattaci.

Fonte: fiscoetasse