Bando Inail 2018: Contributo del 65% a fondo perduto

Versione stampabileVersione stampabile

(di Luca Zambello)

Con il Bando Inail Isi 2017, sono stati destinati oltre 249 milioni di euro per operazioni di investimento finalizzate al miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro. Le aziende hanno tempo fino al 31 Maggio 2018 per l’inserimento delle domande di accesso al contributo. 

 ______________

In cosa consiste il contributo?

L’intervento consiste nell’erogazione di un contributo a fondo perduto (quindi da non restituire) fino al 65% dell’investimento con un tetto massimo di 130.000 euro. Ciò significa che a fronte di un’operazione di 200.000,00 euro l’azienda riceverà fino ad un massimo di 130.000 euro direttamente dall’Inail alleggerendo in maniera considerevole il peso dell’intervento.

 ______________

Chi sono i destinatari del contributo?

Il plafond di 249 milioni è suddiviso sulla base di 5 assi di finanziamento differenziati in base ai destinatari e alla tipologia di progetti da realizzare:

- progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
- progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi;
- progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
- progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore del legno e della ceramica;
- progetti per micro e piccole imprese che operano nel settore della produzione agricola primaria di prodotti agricoli.

È quindi allargata la platea dei destinatari dell’incentivo introducendo, oltre alle aziende operanti nella produzione agricola, anche gli enti operanti nel terzo settore benché non iscritti al Registro Imprese purchè censiti negli albi e registri nazionali.

 ______________

Quali sono gli interventi finanziabili?

Come anticipato poco sopra, l’intervento ha la finalità di incentivare gli investimenti rivolti al miglioramento delle condizioni di lavoro. Più nel dettaglio le operazioni possono essere riassunte in:

- miglioramento della sicurezza nei luoghi di lavoro tramite l’acquisto di nuovi macchinari e attrezzature;
- migliorare la salute dei lavoratori con eliminazione o riduzione di rumore, polveri o sostanze nocive nell’area produttiva;
- sostituzione di strutture in amianto o Eternit dalle coperture degli immobili;
- ridurre gli infortuni del ciclo produttivo attraverso minori interventi manuali del lavoratore tramite introduzione di sistemi di prevenzione degli infortuni.

 ______________

Quali sono i vantaggi dell’operazione?

La particolarità del bando - che corrisponde anche in un vantaggio per le aziende - consiste nel fatto che i progetti devono trovarsi ancora nella loro fase teorica ossia non devono essere ancora realizzati, nemmeno in parte. Ciò significa che l’azienda partecipante può realizzare l’investimento dopo essere a conoscenza dell’avvenuto accoglimento della domanda di contributo e, di conseguenza, rinunciare all’operazione nel caso non venisse accolta.

 ______________

Econ-Test fornisce supporto alle aziende che decidano di partecipare al bando anche con simulazioni per verificare in via preliminare la possibilità di accedere al bando. Nel corso del 2017 abbiamo contribuito alla realizzazione di investimenti per circa 360.000 euro con contributi concessi di circa 197.000 euro.

______________

Per maggiori informazioni i nostri professionisti sono a disposizione.

Tags:  Agevolazioni